Descriviamo una persona!

Come si fa a descrivere una persona? Per farlo bisogna individuare le caratteristiche fisiche del soggetto, descrivere il suo carattere e il modo in cui è vestito di solito, ma anche parlare del suo stato d’animo abituale.
Vediamo insieme come fare una descrizione efficace, partendo dalle varie parti del corpo!

How can you describe a person? Well, to do so it’s important to spot the subject’s physical features, describing his temper and his usual dress code, but also his usual mood too.
Let’s learn together how to do an effective description, starting from the various body parts!

  • IL VISO- Face
BeardLa barba
BrowsLe sopracciglia
CheekbonesGli zigomi
ChinIl mento
EarsLe orecchie
EyesGli occhi
ForeheadLa fronte
LashesLe ciglia
LipsLe labbra
MoustacheI baffi
MouthLa bocca
NeckIl collo
NoseIl naso
NostrilsLe narici
TeethI denti
TongueLa lingua
  • IL TORSO- Torso
ArmsLe braccia
BackLa schiena
Belly bottonL’ombelico
BreastIl seno
ChestIl petto
FingersLe dita
HandsLe mani
NailsLe unghie
ShouldersLe spalle
  • ARTI INFERIORI- Lower limbs
AnklesLe caviglie
ButtIl sedere
CalvesI polpacci
FeetI piedi
LegsLe gambe
ThighsLe cosce
  • Il viso può essere:/ The face can be:
    FORMA/ Shape
    -ROTONDO= round
    -OVALE= oval
    -SQUADRATO= squared
  • I capelli possono essere:/ The hair can be:
    LUNGHEZZA/ Lenght
    -LUNGHI= long
    -CORTI= short
    -DI MEDIA LUNGHEZZA= medium-lenght

    COLORE/ Colour
    -BIONDI= blond
    -CASTANI= brown
    -NERI*= dark
    -ROSSI= red
    -BIANCHI= white
    -BRIZZOLATI= gray
    -CAPELLI TINTI= dyed hair
    * Per dire che hai i capelli neri, puoi dire: “sono moro/a”
    If you want to say “I’m a brunette”, you can say “sono moro/a”

    FORMA/ Shape
    -LISCI= straight
    -MOSSI= wavy
    -RICCI= curly
    -PELATO/ CALVO= bald

    ACCONCIATURA/ Hairstyle
    – RASATO= shaved
    -CAPELLI A SPAZZOLA= crew cut
    -FRANGIA= bang
    -CIUFFO= tuft
    -CASCHETTO= bob haircut
    -CODA= ponytail
    -TRECCIA= braid
    -SCIOLTI= hair down
    -RACCOLTI= hair up
  • AGGETTIVI UTILI/ Useful adjectives
Almond-shaped eyesOcchi a mandorla
AthleticAtletico
A lot of (hair)Tanti (capelli)
AttractiveAttraente
BigGrande
CuteCarino
DarkScuro
FatGrasso
FrecklesLe lentiggini
Full (lips)Carnose (labbra)
Good-lookingBello
LargeGrosso
LightChiaro
LongLungo
Medium heightDi media altezza
Middle-agedDi mezz’età
ObeseObeso
OldVecchio
ShortBasso
SlimSnello
SmallPiccolo
TallAlto
ThickFolti
ThinMagro
Thinning (hair)Radi
TightStretto
UglyBrutto
Wide/ largeLargo
WrinklesLe rughe
YoungGiovane

Questa è solo la prima parte con dei vocaboli base per descrivere una persona o se stessi, ma nei prossimi articoli ne introdurremo degli altri per riuscire a fare una descrizione più precisa ed efficace. Restate collegati!
A presto e un bacio 🙂

This is only the first part of our topic on how describe a person or themselves, but in the following articles we’re going to introduce many other words in order to be able to make a precise and effective description. Keep up with us!
A big kiss 🙂

La famiglia!

Gordon ha deciso di trascorrere le vacanze nella casa al mare di Marco, dove di solito si riunisce tutta la sua famiglia. Vediamo quali sono i componenti della sua famiglia!

Gordon decides to spend his holidays in Marco’s seaside house, where usually he meets up with his family. Let’s see who are the members!

Osserviamo ora quali sono tutti i membri di una famiglia!

Let’s see who are all the family members!

  • VOCABOLI UTILIVocabulary
AuntLa zia
BoyfriendIl ragazzo
Brother-in-lawIl cognato
CousinIl/ la cugino/a
DaughterLa figlia
Daughter-in-lawLa nuora
EngagementFidanzamento
FamilyLa famiglia
FatherIl padre/ papa’
Father-in-lawIl suocero
FiancéIl fidanzato
GirlfriendLa ragazza
Grand-fatherIl nonno
Grand-motherLa nonna
Grand-parentsI nonni
Great-grandfatherIl bisnonno
Great-grandmotherLa bisnonna
HusbandIl marito
MarriageMatrimonio
MotherLa madre/ mamma
Mother-in-lawLa suocera
NephewIl/ la nipote
Only childFiglio unico/ figlia unica
ParentsI genitori/ i miei
Sister-in-lawLa cognata
SonIl figlio
Son-in-lawIl genero
UncleLo zio
UnmarriedCelibe (uomini)/ Nubile (donne)
WifeLa moglie
!!! ATTENZIONE ai falsi amici: parents= genitori e relatives= parenti
  • VERBI UTILIUseful verbs
To be pregnantAspettare un bambino
To break upLasciarsi
To divorceDivorziare
To get engagedFidanzarsi
To get marrySposarsi
To live withConvivere
To split upSepararsi
  • MODI DI DIREExpressions

-“Casa dolce casa”
Home sweet home

– “Tale padre, tale figlio”
Like father, like son

-“Buon sangue non mente”
Blood will out

-“Essere la pecora nera della famiglia”
Be the black sheep of the family

L’argomento famiglia è terminato e speriamo che sia tutto chiaro. Avete qualche dubbio? Contattateci qui o su Instagram!
Un bacio 🙂

The family topic has come to end and we hope everything is clear. Do you have any question? Ask us here or on Instagram!
xoxo 🙂

In vacanza!

Manca poco alle vacanze estive e Gordon prima di organizzare il suo soggiorno al mare, chiede informazioni al suo amico Marco su quali sono i giorni festivi italiani.

It’s not long before the summer vacation and Gordon wants to book his stay by the seaside, but first he asks for some information to Marco..

New Year’s DayIl Capodanno ( 1° gennaio)*
EpiphanyL’Epifania ( 6 gennaio)
Maundy ThursdayIl giovedì Santo ( data variabile)
Palm SundayLa domenica delle palme ( data variabile)
EasterLa Pasqua ( data variabile)
Easter MondayIl lunedì dell’angelo/ Pasquetta (lunedì dopo Pasqua)
CarnivalIl Carnevale ( data variabile)
Mardi GrasIl martedì grasso ( data variabile)
Liberation DayLa festa della liberazione ( 25 aprile)
Labour DayLa festa dei lavoratori (1° maggio)
Republic DayLa festa della Repubblica ( 2 giugno)
Mid August HolidayFerragosto ( 15 agosto)
All Saints’ DayTutti i santi ( 1° novembre)
All Souls’ DayIl giorno dei morti ( 2 novembre)
Immaculate conceptionL’immacolata concezione ( 8 dicembre)
ChristmasIl Natale ( 25 dicembre)*
St. Stephen’s DaySanto Stefano ( 26 dicembre)
*Even if they’re not national holidays, we also celebrate the Christmas Eve and the New Year’s Eve

Le festività civili che non hanno origini religiose ma che comunque festeggiamo sono:

Even if they don’t have religious origins, we use to celebrate these civil celebrations, too:

Valentine’s DaySan Valentino (14 febbraio)
Father’s DayFesta del papà (19 marzo)
April Fools DayIl primo d’aprile (il pesce d’aprile)
Mother’s DayFesta della mamma (2° domenica di maggio)
HalloweenHalloween (31 ottobre)

DOMANDE UTILI:

  • Buone feste Marco! Cosa fai a Natale?
    Happy holidays Marco!What are your plans for Christmas?
  • Quando è/cade Pasqua quest’anno?
    When is Easter this year?
  • Come sono andate le vacanze?
    How was your vacation?
  • Da cosa ti travesti a Carnevale/Halloween?
    How do you dress up for Carnival/Halloween?
  • Quante uova hai ricevuto per Pasqua?
    How many chocolate eggs did you receive for Easter?

ITALIAN TRADITIONS:

  • CARNEVALE: il più famoso carnevale italiano è quello di Venezia che di norma inizia il 30 gennaio e finisce il 16 febbraio e tutta la città è coinvolta nei festeggiamenti. Sia i residenti che i turisti si travestono con maschere e costumi, interpretando diversi personaggi. Le più famose maschere tipiche italiane sono: Pulcinella, Arlecchino, Colombina e Pantalone. I dolci tradizionali che mangiamo in questa ricorrenza sono le chiacchiere (pastella fritta e ricoperta di zucchero a velo) e i tortelli (dolcetti fritti e ricoperti di zucchero o riempiti di crema).

    CARNIVAL: the most famous Italian Carnival is the one of Venice that, normally, starts on January 30rd and ends on February 16th and the whole city is involved in the celebrations. Both tourists and citizens dress up with Carnival masks and costumes, interpreting different characters. The most famous and typical Italian masks are: Pulcinella, Arlecchino, Colombina, Pantalone. The traditional desserts we usually eat during this celebration are “chiacchiere” (fried dough covered with icing sugar) and “tortelli” (a sort of crumpet covered with sugar or filled with cream).

  • PASQUA: questa festività cade sempre di domenica ma ha data variabile. Come tradizione si regalano ai bambini (e non :)) uova o coniglietti di cioccolato contenenti una sorpresa. il dolce tipico è la colomba. Di solito il lunedì dopo la Pasqua (detto Pasquetta) ci si incontra con gli amici per fare una grigliata.

    EASTER: this festivity is always on Sunday but it has a variable date. According to the tradition, children (and also adults :)) receive chocolate Easter eggs and bunnies with a little surprise inside. The typical dessert is “colomba”. On Easter Monday (called “Pasquetta”), we usually meet up with friends and have a bbq together.
  • NATALE: è la festa più sentita dell’anno in tutta Italia, anche se ci sono tradizioni diverse per ogni regione. Alcuni si ritrovano con gli amici la sera prima di Natale (Vigilia) per scambiarsi gli auguri e i regali. Altri festeggiano con la famiglia sia la sera del 24 che il giorno di Natale. Altri ancora festeggiano anche il 26 (S. Stefano), pranzando tutti insieme con i ravioli in brodo e gli avanzi dei giorni precedenti. I dolci tipici di questa festività sono il panettone e il pandoro. Di solito i genitori fanno andare a letto presto i bambini la sera del 24 per far portare i regali a Babbo Natale, che vengono scartati tutti insieme la mattina del 25, intorno all’albero. Altre famiglie, invece, si scambiano i regali la sera del 24 per poi aprirli a mezzanotte.

    CHRISTMAS: This is the most heartfelt holiday of the year, even if there are many different traditions between every region. Some people meet their friends on Christmas Eve to exchange good wishes and gifts. Some others celebrate with their families, both the Christmas Eve and Christmas day. Other again celebrate the S. Stephen’s Day, too, having lunch with the family, eating dumplings with broth and the leftovers of the previous days. The typical Christmas desserts are “panettone” and “pandoro”. Usually, on Christmas Eve, children go to bed early and wait for Santa Claus to bring them presents. Some families unwrap their presents on Christmas morning, while some others do it the night before at midnight.

  • BEFANA: questa festività cade il 6 gennaio. Di solito le famiglie fanno appendere ai bambini delle calze al camino, che verranno riempite dalla Befana. Questa figura folcloristica è conosciuta come un’anziana signora che vola su una scopa, portando ai bambini dolcetti, regali e carbone, nel caso in cui non si fossero comportati bene durante l’anno.

    EPIPHANY: we celebrate it on January 6th. Usually, families hang their socks on the fireplace and wait for the “Befana” to come. This is a folk figure known as an old woman, who flyes on her broomstick, bringing sweets and little presents to children who have been good during the year, and coal to the ones who have been bad.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è unnamed.gif

Queste sono solamente alcune delle nostre tradizioni. Quali sono le vostre? Fatecelo sapere nei commenti e continuate a seguirci su Instagram!
Al prossimo articolo cari, un saluto 🙂

These are just some of our traditions. What are yours? Let us know in the comment section and keep up with our Instagram page!
See you soon guys 🙂
xoxo

Approfondiamo!

Buongiorno a tutti e bentornati! Oggi riprendiamo l’argomento precedente “Giorni mesi e stagioni” concentrandoci maggiormente su come chiedere informazioni e come dare risposte chiare e precise a riguardo. Cominciamo!

Goodmorning everyone and welcome back! Today we’re going to face basically the same subject of the other article “Giorni, mesi e stagioni“, stressing the attention especially on how to ask for information in regard and how to give clear and precise answers. Let’s start!

  • Per sapere le condizioni meteo del giorno, per esempio, di solito chiediamo:
    “CHE TEMPO C’E’ OGGI?” oppure “CHE TEMPO FA OGGI?”
    Le risposte possono essere molte; vediamo degli esempi:
    Oggi c’è il sole / Oggi fa caldo/ Oggi fa freddo/ Oggi piove…
    (per chi se lo fosse perso, clicca qui per il link diretto alla lezione precedente, dove abbiamo elencato molte “previsioni meteo”)

    In order to know the weather conditions of the day, we usually ask:
    “CHE TEMPO C’E’ OGGI?” oppure “CHE TEMPO FA OGGI?”
    There can be multiple answers; let’s see some examples:
    Oggi c’è il sole / Oggi fa caldo/ Oggi fa freddo/ Oggi piove…
    (if you’ve lost the previous lesson, click here to be redirected)
  • Se non dovessimo più ricordarci in che mese siamo, o in che mese è successo un fatto particolare, o semplicemente se vogliamo avere una conferma, chiederemo al nostro amico:
    “IN CHE MESE SIAMO? Siamo A maggio”

    If we don’t remember in which month we are, or in which month something happened, or if we simply wanna have a confirm about it, we can ask our friend:
    “IN CHE MESE SIAMO? Siamo A maggio”
  • Se invece vogliamo saperne di più sulla stagione in cui ci troviamo, chiediamo:
    “IN CHE STAGIONE SIAMO? Siamo IN primavera”

    If we want to know in which season we are, we can ask:
    “IN CHE STAGIONE SIAMO? Siamo IN primavera”
  • Ancora, se vogliamo chiedere informazioni riguardo al giorno corrente, chiederemo:
    “IN CHE GIORNO SIAMO? / CHE GIORNO E’ OGGI?
    Oggi è IL PRIMO maggio; Oggi è mercoledì; Oggi è il 20 maggio 2020″


    Again, if we want to ask some information about the current day, we’ll ask:
    “IN CHE GIORNO SIAMO? / CHE GIORNO E’ OGGI?
    Oggi è IL PRIMO maggio; Oggi è mercoledì; Oggi è il 20 maggio 2020″

DOMANDERISPOSTE
IN CHE MESE SIAMO?Siamo A
IN CHE STAGIONE SIAMO?Siamo IN
IN CHE GIORNO SIAMO?/ CHE GIORNO E’ OGGI?Oggi E’

A questo punto è importante chiarire come usare i numeri cardinali e quelli ordinali per dire le date in maniera corretta.

It’s important to understand well how to use cardinal and ordinal numbers to express dates in a correct way.

  • NUMERI CARDINALI: Sono tutti quei numeri che ci indicano una quantità, come quanti oggetti ci sono in un luogo, l’età di una persona o anche per indicare la maggior parte delle date.

    Those are all the numbers which indicate a quantity, like how many objects there are in a certain place, the age of a person or to express the majority of the dates.

    ESEMPI: Marco ha 25 (venticinque) anni
    Io sono nata IL 9 (nove) giugno 2005
    Ci sono 4 (quattro) mele nel cestino
  • NUMERI ORDINALI: questi, invece, ci servono per indicare l’ordine di un oggetto all’interno di una lista, per capire in che posizione di trova.
    NB: nelle date si usa il numero ordinale solamente per il primo giorno del mese.

    Those ones, on the contrary, tell the position of something in a list.
    NB: to express dates, we use the ordinal number only for the first day of the month.

    ESEMPI: Il 1° (primo) maggio è la festa dei lavoratori
    Sono arrivato 3° (terzo) alla gara di martedì
    Adoro quel libro! E’ la 4° (quarta) volta che lo leggo
  • COME SI FORMANO QUESTI NUMERI? per formare un numero ordinale bisogna togliere l’ultima lettera del numero cardinale e aggiungere i seguenti suffissi:
    – ESIMO/A –> per i sostantivi maschili e femminili singolari
    – ESIMI/E –> per i sostantivi maschili e femminili plurali
    !!! ATTENZIONE: i primi dieci numeri sono irregolari

    HOW DO THEY FORM? To obtain an ordinal number you have to remove the last letter of the cardinal number and add:
    ESIMO/A –> for singular male and female names
    – ESIMI/E –> for plural male and female names
    !!! ATTENZIONE: The first ten numbers are irregular


    Vediamoli insieme:
NUMEROMASCHILE/ FEMMINILE SINGOLAREMASCHILE/FEMMINILE PLURALE
PRIMO/ APRIMI/ E
SECONDO/ ASECONDI/ E
TERZO/ ATERZI/ E
QUARTO/ AQUARTI/ E
QUINTO/ AQUINTI/ E
SESTO/ ASESTI/ E
SETTIMO/ ASETTIMI/ E
OTTAVO/ AOTTAVI/ E
NONO/ ANONI/ E
10°DECIMO/ ADECIMI/ E
11°UNDICESIMO/ AUNDICESIMI/ E
12°DODICESIMO/ ADODICESIMI/ E
13°TREDICESIMO/ ATREDICESIMI/ E
14°QUATTORDICESIMO/ AQUATTORDICESIMI/ E
15°QUINDICESIMO/ AQUINDICESIMI/ E
16°SEDICESIMO/ ASEDICESIMI/ E
17°DICIASSETTESIMO/ ADICIASSETTESIMI/ E
18°DICIOTTESIMO/ ADICIOTTESIMI/ E
19°DICIANNOVESIMO/ ADICIANNOVESIMI/ E
20°VENTESIMO/ AVENTESIMI/ E
21°VENTUNESIMO/ AVENTUNESIMI/ E
22°VENTIDUESIMO/ AVENTIDUESIMI/ E
23°VENTITREESIMO/ AVENTITREESIMI/ E
24°VENTIQUATTRESIMO/ AVENTIQUATTRESIMI/ E
NB: i numeri dopo il 10 seguono tutti lo stesso schema

Ricordiamo che in Italia lo schema corretto per esprimere le date è il seguente:
GIORNO/MESE/ANNO
Es. oggi è il 20/05/2020–> oggi è il venti maggio 2020

Remember! We usually use the scheme below to express the dates:
DAY/MONTH/YEAR
E.g. oggi è il 20/05/2020

Speriamo che l’articolo vi sia stato utile; siete curiosi di scoprire il prossimo argomento che tratteremo?Continuate a seguirci qui e su Instagram! Baci 🙂

We hope this article was useful; are you curious to discover the topic we’ll going to talk about in the next post? Keep following us here and on Instagram!
Xoxo

Giorni, mesi e stagioni!

In che mese siamo? Come sappiamo, un anno è formato da 12 mesi, 52 settimane circa e da 4 stagioni. Vediamo nel dettaglio quali sono!

In which month are we? As we already know, one year is composed by 12 months, about 52 weeks and 4 seasons. Let’s see in detail which they are!

  • I MESI- Months
GennaioJanuary
FebbraioFebruary
MarzoMarch
AprileApril
MaggioMay
GiugnoJune
LuglioJuly
AgostoAugust
SettembreSeptember
OttobreOctober
NovembreNovember
DicembreDecember
Anno bisestileLeap year

Per ricordarsi il numero di giorni in ogni mese, a scuola insegnano una filastrocca: ” 30 giorni ha novembre, con april, giugno e settembre, di 28 ce n’è uno, tutti gli altri ne han 31!”.

Usually, we learn a nursery rhyme at school, to easily remember the number of the days in every month: ” 30 giorni ha novembre, con april, giugno e settembre, di 28 ce n’è uno, tutti gli altri ne han 31!”.

  • I GIORNI DELLA SETTIMANA- Days of the week
LunedìMonday
MartedìTuesday
MercoledìWednesday
GiovedìThursday
VenerdìFriday
SabatoSaturday
DomenicaSunday

N.B. A differenza dell’inglese, in italiano non usiamo la lettera maiuscola per i nomi dei mesi e dei giorni della settimana.

N.B. In contrast to English, in Italian we don’t use the capital letter to write the months and the days of the week.

  • LE STAGIONI- Seasons
InvernoWinter
PrimaveraSpring
EstateSummer
AutunnoAutumn

CHE TEMPO C’E’ OGGI?

ChangeableVariabile
ClearSereno
Cloud- cloudyNuvole- nuvoloso
ColdFreddo
DrizzlingPiovigginoso
DrySecco
Fog- FoggyNebbia- nebbioso
HailGrandine
Heat- sultryAfa- afoso
Hot- warmCaldo
Ice- icyGhiaccio- ghiacciato
Rain- rainyPioggia- piovoso
Snow- snowyNeve- nevoso
Sun- sunnySole- soleggiato
Thundering and lightningTuoni e fulmini
ThunderstormTemporale
Wind- windyVento- ventoso

Dialogo 1: Gordon deve andare al mare con Marco e gli chiede informazioni sul tempo.

Gordon wants to go to the seaside with Marco and he asks him about the weather.

G ”Ciao Marco, sono pronto per la spiaggia*, com’è il tempo oggi?”
M ”Ciao Gordon, oggi è una bellissima giornata. C’è il sole e fa molto caldo, che afa!”
G ”Bene, non vedo l’ora di essere in spiaggia. Ho visto però che in serata ci sarà un temporale”
M “Ma no Gordon, secondo me diventerà solo nuvoloso, se inizia a piovere torniamo prima”.

SpiaggiaBeach

Seguite il prossimo articolo per approfondimenti!
Baci 🙂

Follow our next article for further information!
Xoxo 🙂

Mettiamoci alla prova: il Tiramisù!

Ciao ragazzi! Abbiamo pensato di proporvi una ricetta per mettere alla prova le vostre capacità culinarie e per introdurre qualche verbo che userete non solo in cucina. La ricetta è interamente in italiano, ma non temete, abbiamo evidenziato in arancione le parole più utili, che trovate nella tabella in fondo!

Hi guys! We’d like to suggest you a recipe in order to challenge yourselves with your culinary skills and also to introduce some new verbs you’ll use in many different contexts. The recipe is entirely in Italian, but don’t worry, we’ve highlighted in orange the most useful words, which you’re going to find in the grid below!

Per preparare il tiramisù cominciate dalle uova: dovete separare gli albumi dai tuorli , e montare a neve gli albumi. Poi montate i tuorli con le fruste elettriche, versando solo metà dose di zucchero. Non appena il composto sarà diventato chiaro e spumoso, bisogna aggiungere il mascarpone, poco alla volta. Una volta incorporato, otterrete una crema densa e compatta.
Pulite bene le fruste e passate a montare gli albumi versando il restante zucchero un po’ alla volta. Montateli a neve: otterrete questo risultato quando rovesciando la ciotola la massa non si muoverà. Prendete una cucchiaiata di albumi e versatela nella ciotola con i tuorli e lo zucchero per poi mescolare energicamente con una spatola, in modo da stemperare il composto. Dopodiché procedete ad aggiungere la restante parte di albumi, poco alla alla volta mescolando molto delicatamente dal basso verso l’alto.
Una volta pronta la crema, la dovrete distribuire generosamente sul fondo di una pirofila da 30x20cm. Nel passaggio successivo, si dovranno inzuppare per pochi istanti i savoiardi nel caffè freddo già zuccherato a vostro piacimento, prima da un lato e poi dall’altro. Man mano distribuite i savoiardi imbevuti sulla crema, tutti in un verso, così da ottenere un primo strato sul quale andrete a distribuire una parte della crema al mascarpone. Anche in questo caso dovrete livellarla accuratamente così da avere una superficie liscia. Continuate a distribuire i savoiardi imbevuti nel caffè, poi realizzate un altro strato di crema. Livellate la superficie e spolverizzatela con del cacao amaro in polvere e lasciate rassodare in frigorifero per un paio d’ore. Il vostro tiramisù è pronto per essere gustato!

SeparareTo separate
Montare a neveTo whip
VersareTo pour
SpumosoFluffy
AggiungereTo add
IncorporareTo incorporate
RovesciareTo overthrow
Una cucchiaiataA spoonful
MescolareTo blend
StemperareTo distemper
DistribuireTo distribute
InzuppareTo soak
ImbevereTo soak
LivellareTo level
SpolverizzareTo sprinkle
RassodareTo firm up

Questi sono solo alcuni dei vocaboli riguardanti la cucina. Vediamo insieme come descrivere i vari sapori, le consistenze e le cotture.

These are only a few of all the words about the kitchen. Let’s see together how to describe the different flavours, textures and cooking methods.

  • I SAPORI/ The flavours
BitterAmaro
SaltySalato
SourAcido, aspro
SpicyPiccante, speziato
SweetDolce
  • LE COTTURE/ The cooking methods
BakedAl forno
BoiledBollito
BurnedBruciato
Cooked in a panIn padella
FriedFritto
GrilledAlla griglia
Medium rareMedia cottura
RareAl sangue
RawCrudo
RoastedArrosto
SteamAl vapore
Well doneBen cotta
  • ALTRI/ Others
BlandInsipido
ColdFreddo
CreamyCremoso
CrispyCroccante
CrumblyFriabile
DenseDenso
DryAsciutto
FragrantFragrante
HotCaldo
JuicySuccoso
LiquidLiquido
OilOlio
PepperPepe
SaltSale
Sauce (soy, tomatoes..)Salsa di (soia, pomodoro…)
SoftMorbido
SoupyBrodoso
TastySaporito
To chopTagliare grossolanamente
To grateGrattugiare
To shredSminuzzare
To sliceAffettare
VinegarAceto
WarmTiepido

Bene amici, purtroppo siamo giunti alla fine dell’argomento “cibo”, ma abbiamo ancora tanti altri ambiti da scoprire insieme!
Restate collegati e continuate a seguirci su Instagram!
Un bacio a tutti 🙂

Ok guys, sadly we’ve come to the end of the food topic, but we still have many subjects to discuss together!
Keep up with us and keep following us on Instagram!
A big kiss 🙂
xoxo

I piatti tipici!

Gordon non vede l’ora di provare a cucinare qualche piatto tipico italiano seguendo il libro di ricette prestato dal suo amico Marco. Vediamo insieme cosa prepara!

Gordon can’t wait to prepare some Italian recipes found in a cookbook borrowed from his friend Marco. Let’s find out together what he’s going to cook!

  • I PIATTI/ The dishes

Gli arancini: a typical Sicilian snack, consisting of a ball of rice coated with bread crumbs and then deep-fried. They are usually filled with ragù, mozzarella or caciocavallo cheese and peas.

Gli gnocchi alla sorrentina: fluffy potatoes gnocchi with tomato sauce and mozzarella.

I cannoli: tube-shaped shells of fried pastry dough, filled with a sweet, creamy ricotta.

I panzerotti: fried turnover pastry usually filled with tomato sauce, mozzarella and ham.

I pizzoccheri: a type of short tagliatelle made with buckwheat flour, served with kales, cubed potatoes, butter and Casera cheese.

I ravioli: dumplings, with many different fillings.

I tortellini: a ring-shaped pasta, served with hot broth.

Il fritto misto: a mixture of seafood dipped in a batter and deep-fried; usually we use shrimps, squids and mullets.

Il gelato: ice cream.

Il risotto alla milanese: risotto with saffron and beef marrow in which we add Parmesan cheese and butter to make it creamy. As a variation you can replace the beef marrow with sausage (risotto alla monzese).

Il tiramisù: a dessert with Savoiardi biscuits immersed into coffee, covered with Mascarpone and cocoa powder.

L’ossobuco: slow-cooked veal shanks, marrowbone.

La bruschetta: the classics are slices of toasted bread rubbed with garlic, olive oil and salt or with minced tomatoes and basil on top.

La cassata: Sicilian dessert made with ricotta, sponge cake and candied fruits.

La cotoletta alla milanese: fried veal cutlet.

La focaccia: a flat oven-baked bread, with a very similar texture to pizza dough. Usually we use it as an appetizer, or as a sandwhich and it can be of different flavours.

La mozzarella di bufala:  a mozzarella made from the milk of Italian buffalo. It’s a dairy product traditionally made in the southern region of Campania.

La pasta al pesto: pasta with pesto sauce, made with freshly-ground basil, extra virgin olive oil, pine nuts, salt and garlic. It’s a typical Ligurian dish.

La pasta al ragù: pasta with bolognese sauce.

La pasta all’amatriciana: tradtional dish based on guanciale (cured pork cheek), tomato sauce and pecorino cheese on top.

La pasta alla carbonara: delicious traditional dish (one of my favourites) with eggs, guanciale, pecorino cheese and black pepper on top.

La pasta allo scoglio: pasta with seafood (usually with shrimps, squids, mussels, clams and prawns). Exquisite!

La pasta cacio e pepe: it literally means “pasta with cheese and pepper”. It is normally made with spaghetti, Roman pecorino cheese and pepper on top.

La pastiera: it’s a typical Napolitan tart, made with cooked wheat, eggs, ricotta cheese and flavoured with orange flowers water. It is usually eaten at Easter.

La piadina: a sort of tortilla, made with flour, olive oil and water and usually stuffed with ham and cheese.

La pizza: the most famous dish in the world, which doesn’t requires any explanation 🙂

La polenta: boiled cornmeal, served with juicy stewed meat or with cheese; it may be served as a hot porridge, or it can be allowed to cool down and solidify into loaf that can be baked, fried or grilled.

La torta paesana: traditional Lombardic cake, made with stale bread, cocoa and raisins,with pine nuts on top.

Le lasagne: is a delicious dish that consists of layers of pasta, ragù and béchamel sauce and with Parmesan on top, baked in an oven.

Le melanzane alla parmigiana: made with fried sliced eggplants, layered with cheese and tomato sauce, then baked in an oven.

Le olive ascolane: stuffed olives with a meaty filling, breaded and deep-fried. Usually served as appetizers.

Lo gnocco fritto: fried batter made with flour, water and lard, usually stuffed with soft cheese and cold cuts (or with Nutella as a dessert).

Questi sono solamente alcuni dei piatti tipici più buoni e conosciuti. Sappiamo che alcuni suoni potrebbero essere difficili da riprodurre, per cui se avete difficoltà, su Instagram troverete un post dove potrete ascoltare la pronuncia corretta!
Buona domenica a tutti e buon appetito! Un bacio 🙂

These are only some of the most typical, exquisite and well-known Italian dishes. By the way, we know that some of them have a difficult pronunciation, so, if you have some particular difficulty with them, you can check our Instagram page, where you can hear the correct accent!
Have a good Sunday and enjoy your meal! A big kiss

xoxo